Il lato goloso di Instagram: intervista ai migliori Food Creators italiani

Il mese scorso i nostri Buzzoole Rankings hanno esplorato il mondo dei Food Creators riscuotendo un notevole successo. Il merito va dato sicuramente ai fantastici protagonisti delle nostre classifiche che – per l’occasione – abbiamo deciso di conoscere un po’ più da vicino!

Abbiamo fatto un’intervista “tripla” ad alcuni dei protagonisti della classifica delle Star: Enrica Panariello (@chiarapassion) con le sue ricette sempre nuove e un feed Instagram super colorato; Egidio Cerrone (@Puokemed) che ha fatto della sua passione per il buon cibo una missione di vita condivisa con i suoi attivissimi follower; Vincenzo Falcone (@vincenzofalconedelicious), con il suo profilo fatto di solarità e follia (come la chiamerebbe lui) che l’ha portato a costruirsi un vero e proprio regno, il regno “delicious”.

La tua passione per il cibo è ben nota, come si è evoluta invece la tua presenza sui social?

Enrica: La mia presenza sui social si evoluta di pari passo con il mio blog. “Chiarapassion” è nata grazie ad Instagram ed oggi non potrei fare a meno dei miei follower, dei miei “pasticcioni” che sono la mia carica positiva, la mia adrenalina!

Egidio: Tutto è iniziato quando ho aperto la pagina Facebook relativa al mio blog. Era qualcosa di più vivo e umano, una vera e propria piazza piena di persone con le quali interagire e raccontarsi. Ho iniziato a gestirla con una sensibilità totalmente diversa, riuscendo a costruire un’immagine forte e duratura. Oggi è tutto più veloce, i numeri di oggi pompano l’ego e danno un feedback illusorio, e tutto dura anche di meno.

Vincenzo: Nel 2014 ho intrapreso l’avventura con il mio primo locale, 26 Hamburger & Delicious, dopo 7 anni di villaggi turistici. Il mio amore per la comunicazione e l’inclinazione al rapporto con il pubblico hanno trovato sfogo nei social, prima con Facebook e poi Instagram. Ho sempre ritenuto quest’ultimo il mio piccolo villaggio virtuale dove a farne da protagonisti sono in primis i miei piatti e poi le mie passioni, riscontrando nei miei followers una fidelizzazione non solo ai locali ma anche alla mia persona.

Ecco, non c’è un percorso univoco ma emergono trend diversi che si differenziano ancor di più se comparati a quelli di altri settori. Secondo te, cosa hanno in comune e cosa distingue invece i creator del mondo food da quelli fashion?

Enrica: In realtà penso che ci siano molte cose in comune tra i 2 mondi, attraverso uno scatto entrambi, anche se in modo diverso, cercano l’effetto wow catturando gli sguardi e facendo venir voglia di replicare subito quello che si osserva.

Egidio: Penso che il Food sia più tangibile e meno opinabile. Ti faccio un esempio semplice, con un personaggio che ha grandissimi numeri e quindi un pubblico molto generico, Chiara Ferragni. Se mette un abito oggettivamente brutto, e magari a lei piace e sicuramente non è una “marchetta”, qualcuno scriverà un commento negativo. Se invece mangia una pizza oggettivamente brutta e molto probabilmente neanche buona, si scatena il putiferio. I creator del food sicuramente fanno i conti ogni giorno con questo tipo di pubblico e quindi la qualità media di quello che si propone deve essere di un certo livello, altrimenti sei da subito poco credibile.

Vincenzo: Moda e food hanno in comune la continua necessità di innovazione e gli addetti alla comunicazione digitale hanno il dovere di aggiornare le proprie community con le ultime novità e tendenze. Lavorare come food creator sia per i ristoranti che per la creazione di contenuti social necessita di creatività, nel mio caso pura “follia”, sperimentazione e soprattutto di mettersi in gioco con accostamenti che in una terra tradizionalista come la nostra spesso sollevano critiche.

Alla luce di tutto questo, che consiglio daresti a chi ha intenzione di intraprendere un percorso come il tuo?

Enrica: Il mio consiglio è quello di metterci il cuore ed avere un proprio stile. Penso che la vera differenza sta nel fare le cose con vera passione, chi ti segue lo “sente”, impara a conoscerti ed apprezzarti anche per questo; con i miei “pasticcioni” ho un legame che va oltre le ricette… ecco queste sono tutte cose che con il tempo premiano!

Egidio: Fai finta che non esiste nessuno da cui prendere spunto. Cerca la tua storia, raccontala a uno dopo l’altro, e prima o poi quell’uno dopo l’altro diventano un sacco di gente. Per farlo devi mettere in campo tantissima passione e voglia di comunicare e trasmettere alle persone quali sono i valori del tuo progetto.

Vincenzo: Non esiste una ricetta per il successo nel campo della ristorazione ma solo passione, perseveranza e condivisione. Nel mio caso è un po’ differente in quanto non nasco come Chef ma come un appassionato di food che accompagnato dal giusto team riesce a dar vita a ricette estremamente stravaganti e delicious con alla base grande qualità a km 0. I social network ritengo siano lo strumento moderno per condividere e far conoscere la propria ristorazione non solo al territorio locale ma anche agli appassionati di food di tutto il mondo, e confrontarsi a vicenda sull’evoluzione del mondo food. 

Ci sono profili Instagram da cui trai ispirazione?

Enrica: Adoro tantissimo lo stile di Donna Hay: belle foto, ricette facili insomma sciuè sciuè!!!

Egidio: No, così come con Facebook ho sempre cercato di utilizzare Instagram secondo la mia sensibilità. Penso sia la cosa più naturale, la cosa più identitaria e la cosa più forte. Anche con qualche follower in meno.

Vincenzo: Di solito mi faccio travolgere dalla home di Facebook e dalla sezione “esplora” di Instagram che offrono sempre spunti per nuove idee e ricette, credo che sia proprio questa la chiave di successo dei social cioè arrivare ovunque con i propri prodotti e creare così delle sinergie che possono anche trasformarsi in collaborazioni straordinarie. Oltre ai social, essendo appassionato dell’ambiente food, mi piace viaggiare per l’Italia e il mondo con la mission di ricercare ristoranti ed esperienze legate alla cultura culinaria locale e lo street food (sempre di grande ispirazione) per riportarle e adattarle alla mia ristorazione e al palato dei miei consumatori.

Hai una passione per il mondo food e ti piacerebbe spopolare sui social? Iscriviti a Buzzoole e lasciati ispirare dai Top Food Creator!

ISCRIVITI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.