Il ruolo degli influencer nel processo d’acquisto

Il ruolo degli influencer nel processo di acquisto del consumatore

Buzzoole, Mondadori Media e InfoValue hanno realizzato la la ricerca “Italiani & Influencer, i protagonisti dei social visti dai loro follower”.
Le interviste hanno riguardato un campione di oltre 1.500 persone, rappresentativo degli utenti della rete di età compresa tra i 18 e i 54 anni, che seguono almeno un macro influencer (persone e brand editoriali con profili social di oltre 100.000 follower). Sono stati volutamente esclusi dall’indagine coloro che seguono celebrità, che devono la propria notorietà principalmente ad altri media, per evitare distorsioni nelle risposte.

Dopo aver visto perché gli italiani seguono un influencer, analizziamo i risultati della ricerca in merito al loro ruolo nel processo d’acquisto. In sintesi emerge la concreta validazione della funzione “commerciale” di influencer e brand editoriali, nel senso che le persone non si meravigliano delle loro attività promozionali.

Alla domanda, quale ruolo dovrebbe svolgere un macro-influencer, il 54% degli intervistati cita quello di spiegare come utilizzare al meglio un prodotto (percentuale che sale tra coloro che seguono il beauty e il food). Il 47% dichiara che i creator dovrebbero far conoscere un prodotto nuovo, in uscita (in particolare coloro che seguono tecnologia e beauty). Il 41% cita il ruolo dell’influencer come colui in grado di dare indicazioni utili su dove e quando acquistare un prodotto/servizio (funzione accentuata tra gli appassionati di motori). Il 38% vorrebbe creator che indicano sconti e un altro 38% si aspetta persone in grado di comparare varie soluzioni senza dare giudizi. Solo il 27% dichiara che l’influencer dovrebbe segnalare le novità senza spingere una marca in particolare.

Il ruolo degli influencer nel processo d'acquisto del consumatore

Alla domanda quanto tieni in considerazione i consigli d’acquisto di un macro-influencer che segui, solo il 15% ha risposto poco o per niente. L’85% dei rispondenti ha risposto positivamente, con gradazioni che vanno dal moltissimo (8%) al molto (26%) fino all’abbastanza (52%).

Metà degli italiani dichiara di aver acquistato negli ultimi 12 mesi prodotti e servizi consigliati da influencer, in media 2 (ma anche 6 e oltre per l’8% degli intervistati). C’è da considerare che i settori nei quali non si concentrano acquisti recenti sono quelli più colpiti dagli effetti negativi della pandemia, ossia viaggi e motori.

Questi sono solo alcuni dei dati raccolti dalla ricerca “Italiani & Influencer” che potete scaricare gratuitamente nella nostra sezione risorse. Inoltre sono disponibili ulteriori add-on utili ad indagare 9 settori merceologici e l’opinione verso 230 macro-influencer.

ph: @alessandraventura

Vincenzo è Chief Marketing Officer di Buzzoole. Ha lavorato per Microsoft, Digital PR, Blogmeter. Autore di tre libri, il più recente è “Marketing Aumentato”. Il suo blog www.vincos.it è noto per le analisi relative ai social media e alla comunicazione, tra le più apprezzate la mappa dei social network nel mondo. Ama immortalare paesaggi naturali e preparare caffè speciali. Puoi metterti in contatto con lui su @vincos.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *