Chi sono i Virtual Influencer?

chi sono i virtual influencer

Sono giovani, trendy, conquistano la stampa e i brand ed hanno un tasso di engagement invidiabile. Sono la nuova generazione di influencer? No, sono avatar. 
Si chiamano Virtual Influencer e sono personaggi che hanno caratteristiche fisionomiche e comportamentali che simulano le persone in carne ed ossa. Vengono creati da programmatori esperti in grafica computerizzata (CGI) e, in alcuni casi, “animati” grazie a tecniche di intelligenza artificiale che permettono loro di interagire in linguaggio naturale.

La prima a conquistare la rete è stata nel 2016 Miquela Sousa (@lilmiquela), simulacro di una giovane musicista appassionata di moda e musica. Il suo profilo Instagram è seguito da oltre 2,4 milioni di follower. Ha collaborato con grandi brand internazionali come Prada, Gucci, Calvin Klein, Diesel. Inoltre rilascia interviste e si cimenta nella musica con video pubblicati su YouTube che raggiungono oltre 2 milioni di visualizzazioni. La cosa più sorprendente è che molti dei suoi follower la ritengono più reale delle persone reali perché, nel mondo social, si comporta esattamente come loro: ama i selfie, il make-up, la moda, mostrarsi col fidanzato e divertirsi con gli amici.

Un’altra virtual influencer che sta diventando sempre più popolare è Imma.gram che conta circa 200.000 follower su Instagram. La ragazza dai tratti asiatici e capelli rosa, si interessa della cultura giapponese, film ed arte. Anche lei compare sui più importanti magazine di moda, collabora con marchi di abbigliamento e accessori e sostiene battaglie sociali. Imma è anche appassionata di musica. Tanto che ha recentemente condiviso con i suoi follower l’emozione” per aver partecipato ad un meeting online con Mike Shinoda, il cantante dei Linkin Park. 

Altro profilo interessante è quello di Shudu (@shudu.gram) creata nel 2017 dall’artista e fotografo Cameron-James Wilson. Shudu fa la modella, anzi è la prima supermodel digitale, come dichiara orgogliosamente nella sua bio di Instagram. Ovviamente il suo feed contiene tutto quello che ci si potrebbe aspettare da una modella sui social: scatti patinati, apparizioni su magazine di settore, sponsorizzazioni di brand. La sua popolarità ha raggiunto il culmine quando ha collaborato con Fenty Beauty di Rihanna.  

Blawko (@blawko22) è l’ultima creazione del collettivo di grafici che ha dato vita a Miquela. E’ il prototipo del “bad boy” losangelino: tatuaggi, sopracciglia depilate e la mascherina a coprire il volto. Ha 22 anni e oltre 150.000 follower su Instagram. Indossa soprattutto streetwear, ma ha collaborato anche con Versace e Burberry.

View this post on Instagram

therapist told me to try new things

A post shared by 🅱️LAWKO (@blawko22) on

Virtual influencer e battaglie sociali

Gli influencer virtuali hanno un cuore o è semplicemente più facile esporsi su temi delicati dietro ad una maschera virtuale? Qualunque sia la risposta, anche i Virtual Influencer, come i loro omologhi umani, sono in prima linea per difendere i diritti delle minoranze e la dignità delle persone. Nelle ultime settimane ad esempio Miquela Sousa e Imma hanno sostenuto, con dei post specifici e molto diretti, la battaglia “Black Lives Matter” e supportato donazioni reali.

Virtual influencer e Brand

Kenzo, Calvin Klein, Prada, Gucci, Versace, Dior sono solo alcuni dei brand che hanno ingaggiato i Virtual Creator per la promozione delle nuove collezioni o sfilate. Addirittura Balmain, marchio dell’alta moda francese, ha deciso di commissionare la creazione di ben due Virtual Influencer, Margot e Zhi, che usa per la promozione dei suoi abiti.  Anche l’italiana Yoox ha creato Daisy, una modella avatar che anima il suo account Instagram e che sul sito indossa i vestiti scelti dai clienti. 

Sembra chiaro che, al momento, i brand scelgono i Virtual Influencer per provare nuove strade di comunicazione e cavalcare un trend. E’ difficile da stabilire se in futuro riusciranno ad entrare a pieno titolo nel mix di personaggi influenti da coinvolgere in una pianificazione di Influencer Marketing. Bisognerà aspettare e capire se saranno in grado di generare un rapporto di fiducia tale da spingere all’acquisto di prodotti reali. 

Se vuoi rimanere sempre aggiornato sulle novità del mondo dell’Influencer Marketing, iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter mensile.

ph: @lilmiquela

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.