Influencer e libertà di espressione dell’identità sessuale

Influencer e libertà di espressione dell’identità sessuale

La rappresentanza delle minoranze, l’inclusione, il concetto di body positivity sono argomenti sempre più attuali e discussi sui social media. Nel nostro report “L’influencer Marketing e l’inclusione sociale” abbiamo osservato come sono stati affrontati i temi dell’inclusione sociale dagli Influencer italiani nel 2020, offrendo infine qualche spunto per i brand che hanno intenzione di abbracciare (convintamente) determinati valori.

Quelli che potremmo, per semplicità, definire “inclusion influencer” si fanno portavoce di minoranze e lottano per la parità dei diritti, utilizzando la loro popolarità per diffondere messaggi che possono essere riassunti in 4 grandi tematiche: la libertà di scelta relativa alla propria identità sessuale, le diseguaglianze di genere, il razzismo, la rivendicazione della bellezza del proprio corpo (body positivity) e la sensibilizzazione sulle disabilità.
In questo articolo vedremo cosa caratterizza i contenuti degli inclusion influencer impegnati nella lotta per la libertà di espressione dell’identità sessuale, che hanno lo scopo di sensibilizzare il più possibile le persone sull’importanza di questa tematica, partendo dai propri follower.

Tipologie di contenuti

La bandiera arcobaleno è molto presente nei post che riguardano la comunità LGBTQ+ come simbolo di appartenenza. Spesso ad essere ritratte negli scatti sono proprio le coppie. La creatività non è l’aspetto più rilevante, ciò che importa veramente è trasmettere l’onestà e la purezza del messaggio, appoggiando una causa fondamentale che può guadagnare ancora più rilevanza tramite i social media.
Gli hashtag utilizzati con maggiore frequenza sono #Loveislove, #Gay, #Rainbow, #Lgbt, #Pride.

3 profili da seguire

Cathy La Torre

Cathy è un’avvocatessa, attivista e politica italiana. È specializzata in diritto antidiscriminatorio con particolare riferimento alle discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere, e sui diritti della comunità LGBTQI+. Il suo profilo Instagram @avvocathy è seguito da oltre 425.000 persone.

Paolo Camilli

Paolo è un attore, autore, creator. Da sempre difensore dei diritti LGBTQ+. Sul profilo Instagram @paolocamilli, seguito da oltre 200.000 follower, condivide contenuti divertentissimi, talvolta abbinando il suo genio comico all’espressione del proprio sostegno alle tematiche dell’inclusione sociale. Ha anche un secondo profilo, @doraasmr_, sul quale ironizza sul fenomeno dell’ASMR.

Carlo e Christian

Carlo e Chris, coppia di nome e di fatto e genitori di due gemelli, condividono da anni la loro quotidianità in famiglia diffondendo messaggi sull’omogenitorialità e provando a portare il concetto di paternità lontano da luoghi comuni e convinzioni ideologiche. Il profilo Instagram @papaperscelta è seguito da 145.000 persone.

Questa è soltanto una delle importanti cause sostenute dagli inclusion influencer. Nelle prossime settimane parleremo delle altre tre tematiche emerse nel nostro report “L’influencer Marketing e l’inclusione sociale”, che puoi scaricare subito se ti va di approfondire.

ph: @caspisan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.