Skande : Il grande potere dei micro-influencer

La complessità delle strategie di marketing sul digitale è in deciso aumento. Le attività e le piattaforme che si possono mettere in campo sono talmente tante, che ormai la specializzazione è quanto mai necessaria.

Una strategia che possiamo adottare, ritenuta tra le più efficaci, è ottenere il passaparola basandoci sugli influencer di settore. Questi sono in grado di veicolare informazioni e buona reputazione su un determinato prodotto ad un pubblico profilato e verticale.

Negli ultimi tempi si è cominciato a pensare ai microinfluencer di settore come ad una nuova risorsa per veicolare il passaparola. Anche grazie ai marketplace che li radunano in cambio di prodotti, omaggi e buoni spesa. Questi comunicatori in erba sono spesso veri sostenitori del brand e prendono molto a cuore le aziende che decidono di promuovere.

Come rivela uno studio di Wharton School e Keller Group Fay questi “influenzatori” hanno 22,2 volte più engagement rispetto a un consumatore medio. A dimostrare l’elevato impatto di queste raccomandazioni, l’82 per cento dei consumatori intervistati per lo studio ha riportato che era altamente probabile che avrebbe seguito una raccomandazione fatta da un micro-influencer.

Secondo un ricercatore di Keller Fay Group, “molti nel marketing cercano di usare le celebrità per promuovere e vendere prodotti, ma stanno sottovalutando una maggiore opportunità che la nostra ricerca mostra; ovvero che i veri influenzatori appartengono alla vita reale. Sono questi, appassionati di quello che raccontano, a generare più conversazioni e i consumatori sono più propensi a seguire le loro raccomandazioni”. Ovviamente il loro pubblico è più limitato rispetto ad una celebrità e quindi servono più comunicatori per poter arrivare ad una quota significativa del mercato.

Secondo gli intervistati, questi microinfluencer hanno una capacità maggiore di generare un passaparola tradizionale, in quanto si ritiene che questi esperti siano più credibili di una persona comune. Sono più informati e sanno spiegare meglio le caratteristiche di un prodotto o come si debba utilizzare.

Forse siamo all’alba di una nuova forma di marketing che premia il singolo utente che sappia distinguersi per l’ottima comunicazione. Una formula che smonta i vecchi modelli mainstream del passato e coinvolge nella comunicazione gli stessi fruitori in una rivoluzione chiamata “conversazione”.

Pubblicato in Brand Ambassador

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

buzzoole influence engine optimization

Buzzoole is the first influencer marketing platform that connects brands with key influencers and their audiences

Categorie
buzzoole finder

Looking for a powerful tool to quickly find an influencer in your category? Try our Buzzoole Finder: all the right influencers at the tip of your fingers.

Recommend on Google
Ricevi i nostri articoli via email!