Ask the creator: Intervista a Diego Cusano

intervista diego cusano

Per la nostra rubrica “Ask the creator” abbiamo intervistato un artista vignettista che ama condividere i propri progetti su Instagram per regalare un sorriso ai suoi follower. Stiamo parlando di Diego Cusano, tra i vincitori della nostra classifica dei migliori food influencer di ottobre. Scopriamo la sua storia e i suoi consigli.

  • Ciao Diego, raccontaci un po’ di te e di come è nato il tuo progetto.

Ho sempre cercato di rappresentare ciò che immaginavo, all’inizio cercavo un modo di farlo capire alla gente. Durante il percorso accademico mi ero legato alla Pop Art e nei tre anni rappresentavo città immaginarie. Dopo il triennio in pittura mi sono specializzato in grafica d’arte e in quegli anni ho sperimentato l’astrattismo cromatico. Una volta terminati tutti gli studi accademici sono giunto ad una conclusione: tutto quello che immaginavo lo dovevo rappresentare in modo semplice e divertente, regalando sorrisi alle persone. Così nel luglio del 2013, un mese dopo la laurea, ho iniziato a fare una ricerca su questo metodo di rappresentazione: unire il disegno con gli oggetti decontestualizzati. Fortunatamente non era stato mai trattato prima, si avvicinava Duchamp oppure qualche artista del surrealismo e realismo magico ma sempre rappresentando un pensiero. In questo caso un oggetto reale si fonde con l’immaginario.

  • Cosa scatena la tua creatività?

La creatività, ci tengo a sottolineare, è una componente del carattere! Sei creativo dalla nascita e non si acquisisce durante la crescita, è un dono. Si sviluppa già verso i  4 o 5 anni. Un fattore che alimenta la mia creatività sono i viaggi, scoprire nuove culture, nuovi paesaggi, abbandonare per qualche settimana la zona di comfort aiuta tantissimo a sollecitare la creatività. Mentre l’ispirazione può nascere dopo la lettura di un libro, dopo aver ascoltato una canzone oppure dopo aver visto un film. 

View this post on Instagram

Chickeficent 🍗🤣 #Maleficent #angelinajolie

A post shared by DIEGO CUSANO (@diego_cusano) on

  • Quando inizi un nuovo progetto parti dall’immagine o dal prodotto?

Quando inizio un progetto per un brand parto dal prodotto, mentre per i miei progetti ho già l’immagine in mente, devo subito “schizzarla” sul taccuino perché svanisce come una nuvola. 

  • Quali sono i fattori a cui presti maggior attenzione quando i brand ti propongono una collaborazione?

Quando mi propongono una collaborazione osservo molto la filosofia del brand per capire se si sposa con la mia, ci deve essere sintonia, il prodotto deve piacermi, deve essere utile nel quotidiano e soprattutto mi piace scoprire la storia del brand o dell’azienda. Mi piace guardare da vicino la produzione del prodotto (quando ho disponibilità), conoscere i proprietari per capire se c’è passione in quello che si fa!

  • Ci sono profili Instagram da cui trai ispirazione?

La mia ispirazione non sono i profili Instagram. Sono contrario a chi usa questo metodo poiché alla fine “si copia” e in 7 anni ho visto tante persone e tanti brand che hanno usato questo mio modo di rappresentare la realtà. Come ho accennato prima, l’ispirazione può essere un film, un libro, una canzone, un dipinto di un artista del passato o semplicemente una bellissima emozione oppure quando sei felice l’ispirazione arriva da sola. 

  • Che consiglio daresti a chi vuole intraprendere un percorso simile al tuo? Quali sono invece gli errori da evitare?

Il primo consiglio è di studiare, imparare ad osservare, avere un carattere determinato e fissare bene l’obiettivo che si vuole raggiungere. Scoprire nuovi posti, nuove culture perché è importante viaggiare per questo tipo di percorso. Gli errori sono: evitare di spendere soldi in macchine fotografiche, in computer, in tavolette grafiche e così via. Se non hai studiato e soprattutto se non hai le basi non perdere tempo ad acquistare soprammobili inutili. Prima bisogna studiare, scoprire la maggior parte delle tecniche di rappresentazione, bisogna allenarsi e soprattutto non definirsi “artista”. Un altro errore da evitare è quello di prendere spunto dai profili Instagram perchè alla fine si tende a rappresentare ciò che è stato già rappresentato e la conseguenza è quella di portare un progetto già visto e di aver speso tempo ed energie per niente.

Scopri storie di vita reali e il dietro le quinte di tanti Creator iscrivendoti alla nostra newsletter!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.