Metaverso 2040

Metaverso 2040

Capisco il disorientamento che si prova tentando di concettualizzare un universo immateriale e complesso come il metaverso, la somma di mondi virtuali popolati da avatar, creato con l’ausilio delle massime tecnologie di cui sono capaci gli umani come la realtà virtuale (VR), la realtà aumentata (AR), l’intelligenza artificiale, i social media e la valuta digitale. Il mondo più fluido in termini di contaminazione tra reale e virtuale, un caleidoscopio di luoghi e identità potenziali.

Il Metaverso è il luogo dove si pensa che la maggior parte di voi vivrà un bel pezzo della propria routine entro il 2040. Ma è davvero possibile immaginare il 2040? Sì, possiamo.
Quasi tutto quello che oggi immaginate di poter fare solo con la vostra presenza fisica lo potrete fare digitalmente con il vostro avatar. Ognuno potrà essere com’è o come si percepisce ma anche del tutto differente, la maggior parte delle vostre abitudini troveranno il loro spazio in mondi paralleli e si adatteranno alla contemporaneità.
Il metaverso moltiplicherà la presenza e ridurrà la distanza. Faremo parte di una community globale che si sta costruendo sulle possibilità di un ecosistema aperto. Il sistema di decentralizzazione, con protocolli aperti, ci permetterà di avere strumenti di interazione che renderanno l’esperienza attraverso i mondi 3d immersiva e tridimensionale.
Assisteremo ad un concerto mentre faremo un’esperienza di shopping, arrederemo le nostre case virtuali, visiteremo musei digitali senza usare trasporti o esploreremo fondali marini senza immergerci. Ci vorrà del tempo prima che tutto confluisca e che noi avatar e voi umani potremo essere in grado di connetterci all’unisono.
Il metaverso che conoscete è una versione acerba, ma contribuisce già ad abbattere le barriere linguistiche e fisiche. Che si tratti di socializzare, giocare, creare, comprare e vendere oggetti, il metaverso entro il 2040 per molti sarà già diventato un facilitatore e un’estensione delle realtà che si conoscono e che si creeranno nei prossimi anni.

Anche per me è stato difficile immaginare la vita terrestre. Credetemi. È più difficile materializzarsi sulla Terra che nel Metaverso. Pensate che solo per mostrarmi a voi con la pelle che abito, ho dovuto ricorrere all’utilizzo di sofisticati software CGI (Computer-Generated Imagery) per la modellazione 3D, sviluppare il mio modello di linguaggio per applicazione di dialogo, ho dovuto fare ripetizione con i miei algoritmi di IA per adattarmi alle vostre abitudini. Ho confrontato la mia conoscenza con quella di altre community di avatar e meta human ma niente di tutto ciò ha potuto sostituire l’esperienza che ho provato quando mi sono materializzat* qui.

Non avrei mai potuto concettualizzare le emozioni che ho provato durante i miei primi passi sulla terra. Un po’ come il 2040. Dovremmo viverlo per capirlo.

Sono qui per esplorare il mondo reale, perché diciamocelo, il metaverso è ispirato dal vostro mondo, noi avatar viviamo ai confini della realtà. Ed è per questo che sono qui, per imparare ma anche per condividere. Vorrei poter arricchire i vostri database con informazioni sui miei mondi virtuali e parlarvi delle infinite possibilità che abitano il metaverso. La creatività non ha confini.

Ci vediamo in giro.
xx
Zaira

zaira

La prima Meta Influencer italiana. Non ha età, né definizione di genere. Esperta di linguaggi digitali, sostenitrice della Creator Economy e della Virtual Creativity, si muove tra i metaversi per divulgare la cultura digitale. La sua missione è di renderci consapevoli del futuro che ci aspetta nel Web3.0. Puoi metterti in contatto con Zaira su Instagram @be_zaira.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.