Intervista a Chef in Camicia, tre amici ai fornelli: la cucina è “social”

Un nuovo modo di concepire la figura dello chef, non più con la tradizionale divisa ma in camicia. Protagonista della rubrica “Ask the Creator” è Nicolò di Chef in Camicia, l’innovativo progetto sul food italiano che unisce la passione culinaria all’esperienza maturata nelle cucine di rinomati ristoranti per dar vita ad eventi food personalizzati ed esclusivi, un servizio di catering con menù studiati in base alle esigenze dei clienti ma soprattutto attività social di successo.

Il loro profilo Instagram infatti conta più di 400.000 follower conquistati dai piatti colorati e sempre nuovi. Anche su Youtube la loro crescita è inarrestabile, sono infatti arrivati primi nei nostri Ranking Food per la categoria Rising Stars, grazie alle loro video ricette che variano dai piatti della tradizione a quelli più innovativi.

Raccontaci un po’ di voi. Come avete cominciato questa esperienza?

La nostra esperienza nasce in prima elementare quando io, Lello e Andrea ci siamo conosciuti, da lì abbiamo passato una vita più o meno insieme tra scuola e università. Dopo qualche anno di distanza ci siamo ritrovati e nel 2015 abbiamo fondato Chef in Camicia, inizialmente facevamo piccoli eventi di catering per arrotondare lo stipendio che avevamo dai nostri primi lavori, dopo un annetto abbiamo deciso di investire i primi ricavi nell’attività digitale che ad oggi quota il 100% dei nostri ricavi, quindi niente più eventi, ma tanti video 🙂

View this post on Instagram

Le fragole ci ricordano tanto Wimbledon e le sfide infinite tra re Roger e Rafa. Ma torniamo a noi, che al più grande torneo di tennis al mondo manca ancora un bel po'. Anzi scusate per questo excursus , ora sapete che siamo appassionati anche di sport, non solo di cucina.⠀ Nell'attesa abbiamo preparato una torta alle fragole, senza lattosio, utilizzando una bevanda alla soia di @alpro . ⠀ Risultato? Game, set and match per Chef in Camicia!⠀ -⠀ #alpro #alpronista #alprolovers #soya #vegetale #chefincamicia #strawberry #cakes #dinner #lunch #food #italianfood #delicacy #tasty #amazingfood #passionforfood #hungry #goodfood #goodmood #cucinare #cucina #cibo #fashionfood #foodlovers #gastronomy

A post shared by Chef In Camicia (@chefincamicia) on

Non è tutto oro quello che luccica. Quali sono i fattori critici da affrontare per avere successo sui social?

Le difficoltà sono molteplici, in primis bisogna “lottare” contro i social media stessi e i loro cambi repentini di policy e algoritmo, ma la vera difficoltà, che però è allo stesso tempo una piacevole sfida, è quella di creare contenuti che piacciono alla nostra community. Tutto ciò che produciamo oggi è pensato per il nostro pubblico di appassionati, i brand che collaborano con noi devono fidarsi delle creatività che proponiamo.

Migliaia di persone guardano i vostri video. Svelaci qual è il vostro segreto!

Siamo davvero appassionati di cucina e viviamo per questo, inoltre siamo curiosi e esploriamo il mondo digital da pionieri, siamo un team molto eterogeneo (più di 20 ormai!) e ognuno ha le sue competenze che ci permettono di affrontare ogni social con una produzione diversa che si adatti alle caratteristiche del mezzo.

Quali sono secondo voi le prospettive future del mondo food sui social?

Il futuro è sempre roseo quando si parla di cibo, siamo in Italia e la tematica è talmente compenetrata nella nostra cultura che per forza di cose influenzerà anche le generazione future. Si tratta solo, per aziende come la nostra, di intercettare i trend giusti e renderli fruibili ai target più eterogenei possibili!

Qual è il vostro video che ha riscosso più successo e perchè secondo voi?

I video dei primi piatti vanno sempre a bomba, sicuramente perchè sono i più facili da replicare!

Cucinare è una vera e propria forma d’arte, fotografare i propri capolavori per i social è pura condivisione! Metti in gioco il tuo lato artistico ed entra a far parte della nostra community!

ISCRIVITI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *