Come diventare un Influencer a tempo pieno

La nostra rubrica Ask the Creator è tornata con un’intervista alla fashion e beauty blogger Emily Roberts, conosciuta come The Lipstick Fever. Emily ha lasciato la sua carriera nel settore tech per diventare una Creator di successo e di recente è stata la protagonista del Tuesday Takeover sul nostro profilo Instagram pubblicando direttamente dalla London Fashion Week. In questo articolo condivide i suoi consigli personali su come “trasformare la tua passione in un lavoro”. Leggi cosa ha ispirato la sua esperienza e prendi spunto per trovare la strada giusta nell’Influencer Marketing.

Come sei diventato un Creator e com’è cambiata la tua vita?

Sono sempre stata una persona creativa e appassionata di moda, musica e del mondo beauty. Quando lavoravo nel tech, dar vita ad un blog e al mio brand era il modo perfetto per soddisfare quella parte di me. Quattro anni fa non pensavo fosse possibile diventare una Creator e imprenditrice a tempo pieno. Mi ha dato anche la flessibilità di viaggiare di più e lavorare da remoto mentre vivo all’estero.

Qual è la cosa che ti piace di più dell’essere un Creator? Se non fossi stato un Creator, cosa avresti fatto?

La parte che preferisco è sicuramente essere un direttore creativo e dare vita a nuove idee rispondendo solo a me stessa (e ovviamente al brand con cui decido di collaborare). Se non fossi stata una Creator, molto probabilmente starei ancora lavorando nel settore digital, o forse un ruolo all’interno di quel settore ma per un brand di moda o di bellezza che amo.

Credi che chiunque possa essere un Creator?

Credo che tutto dipenda dalla passione. Se hai una passione o un interesse in qualcosa, puoi essere un Creator. Penso che aiuti se sei particolarmente creativo per alcuni aspetti. Ognuno ha una diversa abilità quando si parla di creatività. Tuttavia non sono un’artista, e non potrei dipingere o disegnare se la mia vita dipendesse da questo, sono forte nel senso che riesco a dar vita alle mie idee attraverso le foto e i contenuti. Ruota tutto intorno alla tua forza creativa e al saper giocare con questa.

Ruota tutto intorno alla tua forza creativa e al saper giocare con questa.

Da cosa trai ispirazione?

Mi lascio ispirare tantissimo da qualsiasi città in cui viva. Da New York a Londra, prendo così tanta ispirazione dalle persone che vedo e dai loro stili.  Mi ha dato una prospettiva diversa ed è la cosa che amo di più in questo momento. Prendo ispirazione anche dai miei viaggi, da altri fashion blogger che amo e da riviste di moda. Una delle cose che preferisco fare è trovare un bar locale e riflettere sulle ultime situazioni vissute per trarre ispirazione per i contenuti successivi.

Qual è stato il passaggio più difficile nella costruzione del tuo stile e della tua community?

Il momento più complesso è stata la transizione da New York a Londra. All’inizio mi sono sentita un po’ persa a lasciare New York. Il blog e il mio brand sono stati creati lì, il mio stile era molto newyorkese e tutte le mie foto prendevano ispirazione da quella città. Arrivare in Europa era fantastico, ma era una vera e propria transizione nel senso che avevo bisogno di trovare un nuovo stile, un nuovo contesto, un nuovo fotografo. Tutto doveva cambiare e fondamentalmente avevo solo bisogno di tempo per trovare il mio nuovo mood. Sto ancora cercando la mia strada, non penso che sia sempre facile. Abbiamo sempre bisogno di evolvere, crescere e innovare. È un ciclo costante ed io cerco di godermi il processo.

Come scegli quali collaborazioni accettare e quali rifiutare?

Dipende se parliamo di moda o bellezza. Quando si tratta di moda, in base alle ricerche che faccio su quel brand mi affido alle sensazioni che mi suscita per decidere se mi piace o meno – guardando allo stile, alla qualità, all’estetica e, in definitiva, all’etica del brand. Tutti fattori che devono allinearsi. Quando si tratta di bellezza, le cose tendono ad essere più complicate. Devo provare il brand prima di pubblicizzarlo sui miei canali social. Quando si tratta di cura della pelle, trucco, cura dei capelli, è fondamentale provare il prodotto – non condividerei mai con il mio pubblico a meno che non amassi assolutamente qualcosa. Da lì, di solito è un sì o un no facile.

Come gestisci le collaborazioni con i brand e qual è stata la tua esperienza migliore e quella peggiore che hai avuto nelle collaborazioni con i brand?

Idealmente, la partnership è organica nel senso che conosco già il prodotto o l’ho già provato prima. Di solito all’inizio si tratta di provare il loro brand o il loro prodotto e basarsi su quello. Richiede tempo. Una delle peggiori esperienze che ho avuto con un brand è stata relativa all’invio di un brief molto rigido e con relativamente poco tempo per poterne parlare prima che il post fosse poi pubblicato. Credo che l’Influencer Marketing sia veramente un processo collaborativo.

La storia di Emily ti ha ispirato? Entra a far parte della nostra community di Content Creator e lavora con alcuni dei brand più cool al mondo!

SIGN UP

Questo articolo è disponibile anche in: Inglese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *